Patagonia, Brasile. La Epopea de la razzie.

Escrito por Franco Cordelli para La Lettura de Corriere de la Sera.

(Descargar versión pdf)

«In cento minuti ce la raccontano loro, el videoartista cileno Txalo e la coreografa vasca Laida: non solo due incomparabili performer ma – è quello che si ricava dalla loro presenza lá, in scena – due meravigliose persone. Per la precisione, per la passione, per la serietà della loro voce;  ma ancheper la leggerezza, per la trasparenza e la radicalità della denuncia:non c’è, che  si sia in Italia conosciuto, un teatro politico di pari intensità e di pari invenzione teatrale. Sempre continuerò a ricordare che il teatro senza drammaturgia o, almeno, senza la sua memoria, il suo tramandamento, non puoi esistere es è nostra precisa responsabilità averne tanto avvilito la storia. Ma è ugualmente vero che spettacoli como quelli della Trilogia hanno una funzione non solo di riscatto ma di reale arricchimento.»